SEI IN > VIVERE PARMA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Politiche abitative. L’impegno della Regione: nuovo bando per l’Housing sociale, Patto per la casa, riqualificazione degli alloggi Erp, Fondo per l’affitto

3' di lettura
4

Diritto alla casa. La Regione rafforza il proprio impegno per dare risposte alle fasce più fragilidella popolazione, sempre più in difficoltà a trovare risposte sul mercato privato e,  più in generale, a una domanda dell’ abitare in crescita, in un territorio fortemente attrattivo per motivi di studio, lavoro, turismo.

Un esempio, solo l’ultimo in ordine di tempo, è il bando Social Housing 2023 che si chiuderà il prossimo 29 marzo. Rivolto a cooperative di abitazione e imprese di costruzioni, mette a disposizione 7 milioni di euro per realizzare alloggi da destinare alla locazione, all’assegnazione in godimento permanente o per un periodo minimo di 10 anni. Alloggi a canone calmierato per la cosiddetta fascia grigia, quelle famiglie cioè con un indicatore Isee fino a 35 mila euro, che non possono accedere all’edilizia pubblica. E da realizzarsi attraverso interventi di rigenerazione urbana, senza consumo di suolo, e con caratteristiche innovative per quanto riguarda le forme di gestione, in grado di favorire pratiche di condivisione e socialità.

A fare il punto oggi a Bologna l’assessora alla Programmazione territoriale, Edilizia e Politiche abitative, Barbara Lori, in occasione del convegno Strategie per l’abitare, le risposte a vecchie fragilità e nuove complessità, con il quale la Regione ha chiamato a raccolta Comuni, Province, Città Metropolitana di Bologna, Anci e Acer, oltre ai rappresentanti regionali di Ance, Confcooperative Habitat, Legacoop, Sunia, Asppi, Confabitare.

“Assistiamo a una domanda abitativa sempre più pressante, particolarmente diversificata e segmentata- ha spiegato Lori-. Le trasformazioni degli assetti familiari, le nuove forme del lavoro, la trasformazione delle città turistiche ed universitarie, richiedono nuove risposte a nuove esigenze e criticità, anche in termini di povertà emergenti. Dentro a questo quadro è fondamentale la collaborazione con gli Enti locali e con gli operatori del settore”.

Dal Patto per la casa: 4,6 milioni di euro per aumentare l’offerta di alloggi in affitto a canone calmierato, con benefici sia per i proprietari, che per agli inquilini. All’impegno sul fronte dell’Edilizia residenziale pubblica, grazie a 30 milioni di euro di risorse regionali che dal 2020 al 2023 hanno permesso di riqualificare e riassegnare quasi 1.400 alloggi pubblici. Ai 38 milioni di rifinanziamento del Fondo affittiper dare un contributo alle famiglie in difficoltà nel far fronte alle spese del canone di locazione nello stesso periodo.

Lori ha sottolineato l’azione della Regione per la casa, ma serve, ha sottolineato : “Un rinnovato impegno del Governo a partire da un organico Piano per la casa, che auspico possa considerare anche le esperienze regionali, di cui questo Paese ha urgentemente bisogno, insieme al ripristino del Fondo per l’affitto e di quello per la morosità incolpevole”.

Il confronto con Istituzioni e associazioni

Temi al centro della tavola rotonda del pomeriggio, che sarà coordinata da Luca Dondi, amministratore delegato di Nomisma.

Un confronto che coinvolgerà, tra gli altri, Emily Clancy (Comune di Bologna); Davide Agresti (Comune di Faenza); Leonardo Fornaciari (Ance Emilia-Romagna); Marco Galante (Confcooperative Habitat Emilia-Romagna); Massimiliano Manuzzi (Legacoop ER); Valentino Minarelli (SUNIA Emilia-Romagna); Francesco Lamandini (ASPPI Emilia-Romagna); Alberto Zanni (Confabitare); Michele Zazzi (Università di Parma).

Tra gli interventi della mattina quelli di Lanfranco de Franco (Comune di Reggio Emilia e referente ANCI regionale); Marco Corradi (Acer); Ettore Brianti (Comune di Parma); Tamara Calzolari (Tavolo provinciale politiche abitative Modena); Sara Accorsi (Città metropolitana di Bologna).



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-03-2024 alle 14:08 sul giornale del 29 marzo 2024 - 4 letture






qrcode