SEI IN > VIVERE PARMA > CRONACA
articolo

Collecchio: la Polizia locale chiude un negozio abusivo. Sanzione di 5.000 euro al titolare

1' di lettura
60

Brutta sorpresa per il titolare di un negozio di generi alimentari a Collecchio, che attorno alle 10 di venerdì scorso è incappato in uno dei controlli della Polizia locale dell’Unione Pedemontana Parmense.

Brutta perché gli agenti del Nucleo specialistico di Polizia commerciale, impegnati in una costante attività di verifica realizzata di concerto con gli uffici comunali su tutto il territorio dell’Unione, hanno accertato come l’uomo tenesse regolarmente la saracinesca alzata nonostante non fosse più in possesso delle necessarie abilitazioni per esercitare l’attività, risultata di fatto abusiva.

Gli agenti hanno così disposto l’immediata chiusura del negozio e per il titolare è scattata una salata sanzione da 5.000 euro. Ora l’attività commerciale dovrà restare sospesa fino a quando l’esercente non tornerà in possesso delle necessarie abilitazioni.

Un plauso all’attività degli agenti arriva dalla sindaca di Collecchio e presidente dell’Unione Pedemontana, Maristella Galli, e dal sindaco di Felino nonché assessore alla Sicurezza dell’Unione Filippo Casolari.

Maristella Galli sottolinea «l’importanza di vigilare sul territorio, non solo in materia di sicurezza stradale. I nostri agenti – prosegue – hanno un compito fondamentale anche per la tutela del consumatore».

«Controlli come questi sono e continueranno ad essere particolarmente frequenti – aggiunge Casolari –. Non può e non deve esserci spazio per chi non rispetta le regole, soprattutto quando si tratta di attività commerciali. Verificare il rispetto delle normative in questo ambito è fondamentale, anche per proteggere i commercianti in regola, che hanno già dovuto fare i conti con gli anni difficili della pandemia».

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram di Vivere Parma.
Per Telegram cercare il canale @vivereparma o cliccare su https://t.me/vivereparma
È attivo anche il nostro canale Facebookfacebook.com/vivereparma/




Questo è un articolo pubblicato il 03-03-2023 alle 11:06 sul giornale del 04 marzo 2023 - 60 letture






qrcode